Senza categoria



Mercoledì 25 novembre 2020, alle ore 18.00, si terrà il Webinar gratuito “Ripensare la propria attività – Pratiche e strumenti digitali per impostare il futuro del proprio lavoro”, con l’intervento del dott. Simone Padovani, consulente aziendale e formatore. Durante il webinar il docente sarà a disposizione delle imprese per rispondere alle domande legate al ripensare la propria attività, soprattutto in questo periodo di crisi, dovuta all’emergenza Covid 19. L’appuntamento è realizzato da Confartigianato Imprese Veneto Orientale e Confartigianato Imprese Portogruaro, con il cofinanziamento della Camera di Commercio di Venezia e Rovigo. Per iscrizioni, inviare un’e-mail a: marcello.zorzetti@coveor.it


Approfondisci

Lunedì 23 novembre 2020, alle ore 18.00, si terrà il Webinar gratuito “Conteniamo il contagio”, con l’intervento del Prof. Alessandro Belcaro, consulente e formatore in materia di sicurezza sul lavorosperto in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro. Durante il webinar il docente sarà a disposizione delle imprese per rispondere alle domande legate alla gestione dell’emergenza Covid e delle problematiche legate al personale. L’appuntamento è realizzato da Confartigianato Imprese Veneto Orientale e Confartigianato Imprese Chioggia, con il cofinanziamento della Camera di Commercio di Venezia e Rovigo. Per iscrizioni, inviare un’e-mail a elisa.colombo@artigianichioggia.it


Approfondisci

A partire da Mercoledì 18 novembre gli operatori economici “esercenti attività di vendita di beni o servizi al pubblico” all’interno dei centri storici dei grandi centri urbani, tra cui chiaramente tutta la Venezia insulare, colpiti dal calo dei turisti stranieri causato dell’emergenza “Covid 19”, potranno richiedere il contributo a fondo perduto previsto dal Dl n. 104/2020. Precisiamo che non si tratta di una delle misure previste dal decreto Ristori o dal Ristori-bis; ad introdurre il contributo a fondo perduto per i centri storici è stato l’articolo 59, comma 1 del decreto Agosto, convertito con modificazioni nella legge n. 126 del 13 ottobre 2020. Un provvedimento sicuramente molto atteso da parte degli artigiani ed esercenti veneziani rimasto “congelato” per diversi mesi e finalmente sbloccato anche grazie all’azione esercitata dalla varie Confartigianato delle città d’arte tra cui la nostra. Vediamo nei dettagli a chi spetta il contributo, oltreche le modalità e l’entità dello stesso. Comuni ad alta “vocazione turistica” L’articolo 59 del Dl n. 104/2020 ha previsto l’erogazione di un contributo a fondo perduto ai soggetti esercenti attività di vendita di beni o servizi al pubblico, svolte nei centri storici (zone A o equivalenti) dei comuni capoluogo di provincia o di città […]


Approfondisci

Come avrete appreso dai quotidiani, Confartigianato Venezia, in collaborazione con il Consorzio Promovetro, ha nuovamente posto con forza l’attenzione su Murano, la produzione del vetro e la sua commercializzazione. Dopo il periodo di lock-down si deve ripartire dai punti fermi che rendono ancora Venezia una Città produttiva e non solo turistica. Il Vetro è sicuramente uno di questi e forse il più importante; siamo certi che con un progetto che interessi lo sviluppo commerciale, la riduzione dei costi di produzione e la contestualizzazione del vetro non solamente come “souvenir”, ma come realizzazioni di eccellenza nei vari mercati di riferimento, sia un atto dovuto, sul quale tutti debbano riflettere e reagire. Questo è l’appello che Confartigianato Venezia e Promovetro porranno nuovamente all’attenzione di tutte le istituzioni cittadine e Nazionali in questo momento storico di enorme difficoltà economica del settore, che registra una delle flessioni più rilevante degli ultimi 40 anni ; appello che deve essere sostenuto da un approccio serio e scientifico, dove si evidenziano numeri, criticità e sofferenze di un settore che di fatto rimane l’unico settore produttivo manifatturiero organizzato della Venezia storica. Chiediamo quindi alle aziende interessate, di compilare il questionario allegato direttamente cliccando sul link sottoriportato, entro Venerdì […]


Approfondisci

L’emergenza sanitaria tutt’ora in corso, non consente di abbassare la guardia. Per far fronte alle eventuali richieste da parte di aziende e dipendenti, di effettuazione tamponi, l’Associazione ha recentemente sottoscritto una vantaggiosa convenzione con poliambulatori del Centro storico, di Cavallino-Treporti e della Terraferma. Le tariffe sono riservate ai titolari delle imprese artigiane socie Confartigianato Venezia e loro dipendenti o collaboratori. Per avere diritto alle tariffe convenzionate gli interessati dovranno presentare:– tessera associativa 2020 per i titolari;– lettera di presentazione per dipendenti La lettera di presentazione, così come la tessera associativa 2020, se non ancora ritirata, sono disponibili presso la Sede centrale di San Lio (Ufficio Categorie) presso le sedi degli Uffici territoriali di Lido, Murano e Ca’ Savio. Ricordando che sono comunque sempre a disposizione i centri pubblici delle USL che effettuano i tamponi obbligatori gratuitamente, di seguito riportiamo i riferimenti sui vari territori. CENTRO STORICO La struttura individuata è l’Istituto Sherman, dietro Campo San Bartolomeo, San Marco 5369/A Queste le prestazioni con le relative tariiffe riservateci. a) tampone per ricerca virus Covid-19 in PCR                 € 60,00 b) test Sierologico IgG + IgM Abbott (no test rapido)         € […]


Approfondisci

DGR 526/20: Formazione finanziata Con il banco FSE DGR 526/20 “IL VENETO DELLE DONNE” la Regione del Veneto intende sostenere le donne che lavorano nelle imprese, di diversi settori e dimensioni, attraverso interventi formativi con finalità di empowerment femminile. Il progettoConfartigianato Imprese Venezia, attraverso il suo centro di formazione Con-Ser, propone un progetto, completamente finanziato, della durata di 30 ore, che coinvolge le aziende in percorsi che consentiranno l’acquisizione, l’aggiornamento e l’incremento di competenze digitali e trasversali. L’idea è di organizzare due percorsi attivabili con almeno 6 partecipanti: uno su Venezia Centro storico e uno su Cavallino-Treporti rivolto alle aziende che operano del Litorale e nell’isola di Burano.​ Chi può aderireImprese interessate a formare personale femminile.  Donne imprenditici, collaboratrici e libere professioniste.​ Importante!Tutte le attività sia formative che consulenziali  sono gratuite per le partecipanti. In caso di approvazione del progetto alle stesse partecipanti potrà essere previsto il riconoscimento di determinate spese di attrezzature per l’adozione di modelli di lavoro agile finanziabili mediante risorse FESR. L’unico impegno richiesto è la frequenza minima obbligatoria per il 70% del monte ore delle attività (21 ore su 30). Contenuti – Analisi del proprio punto di riferimento2 ore – Consulenza individuale – Percorso SOFT SKILLS TRAINING – motivare al […]


Approfondisci

Pasti caldi per il personale dipendente. Oltre all’asporto e alla consegna a domicilio è possibile anche il servizio di mensa aziendale (per i ristoratori per decidono di fornire il servizio) Con il prolungamento della chiusura dei ristoranti e delle trattorie ritorna il problema di come garantire il pasto al personale dipendente di tutte quelle aziende del comparto casa che continuano ad operare presso i loro laboratori o all’interno dei cantieri temporanei sparsi in Città. In pratica siamo tornati alla situazione della scorsa primavera, dopo il lokdown totale che consente ai ristoratori di aprire i propri locali a solo uso servizio mensa.La normativa impone la redazione di uno specifico contratto di mensa aziendale, di cui si allega fac-simile, che dovrà essere stipulato tra azienda e ristoratore. Di seguito è riportato l’elenco dei ristoranti e delle trattorie operanti nella Venezia insulare che hanno già comunicato la propria disponibilità. Tutti gli esercenti interessati possono comunque contattare l’Ufficio Categorie (tel. 041 5299270 – mail: ufficio.categorie@artigianivenezia.it), che provvederà ad un pronto aggiornamento. Per l’attivazione del servizio la procedura è la seguente: 1) Le aziende del comparto casa prendono accordi con i ristoratori e li invitano a contattare l’Ufficio Categorie affinché aderiscano all’iniziativa; 2) Il ristoratore […]


Approfondisci

Restrizioni allentate: la nuova ordinanza regionale Una nuova ordinanza, in vigore dalle 15.00 di venerdì 24 aprile. È quella firmata nel primo pomeriggio di ieri dal presidente della Regione Veneto Zaia. Riportiamo le disposizioni de nuovo provvedimento di diretto interesse per il comparto dell’artigianato rimandando per una lettura integrale al testo dell’ordinanza. 1. Gelaterie, Pizze al taglio, pasticcerie, gastronomie, ecc. Consentita la vendita di cibo per asporto Al punto 1 è disciplinata la vendita di cibo da per asporto che sarà effettuata, per quanto possibile, previa ordinazione online o telefonica. Gli ingressi per il ritiro dei prodotti ordinati dovranno essere dilazionati nel tempo e comunque garantire un metro di distanza tra le persone e l’utilizzo da parte di esercenti e clienti di mascherine e guanti, o quanto meno di prodotti per l’igienizzazione. All’interno dei locali sarà ammesso solo un cliente per volta, per il tempo strettamente necessario per ritirare i prodotti e pagare. Rimane sospesa ogni forma di consumo sul posto ed è altresì confermata la possibilità di consegna a domicilio. 2. Abbigliamento per bambini, librerie e cartolerie Negozi di abbigliamento per bambini, cartolerie e librerie potranno rimanere aperti seguendo l’orario consueto (domeniche escluse). Revocata quindi la disposizione per la quale […]


Approfondisci

  COVID-19 Attività di manutenzione del verde e vendita di prodotti florovivaistici Ordinanze del Presidente della Giunta Regionale n. 37 del 3 aprile 2020 e n. 38 del 4 aprile 2020 GIARDINIERI Come è noto le recenti disposizioni in materia di gestione dell’emergenza da coronavirus, vietano le attività di realizzazione e manutenzione del verde. Il codice ATECO 81.30 (cura e manutenzione del paesaggio inclusi parchi, giardini e aiuole) non risulta infatti inserito negli allegati del DPCM 22 marzo 2020 e del DM 25 marzo 2020. La categoria con grande senso di responsabilità ha da subito seguito le indicazioni governative soprattutto per la tutela della salute dei propri committenti e dei propri collaboratori, cessando ogni attività. Ciò premesso, per il tramite della nostra Organizzazione nazionale, ci siamo attivati formalmente per segnalare al Ministero dello Sviluppo Economico l’opportunità di riprendere al più presto l’attività di manutenzione del verde (sia nel pubblico che nel privato), sussistendo la possibilità che a breve si presentino problemi legati alla sicurezza e all’igiene pubblica. Ricordiamo inoltre, sempre con il fine di tutelare i cittadini, che gli unici operatori che possono eseguire operazioni di manutenzione del verde pubblico e privato, sono quelli in possesso dei requisiti previsti dalla […]


Approfondisci