Impianti

Gli impianti elettrici, termici, idraulici diventano sempre più “intelligenti” e chi si occupa di installazione e manutenzione non può che adeguarsi. Gli artigiani installatori e manutentori sono sempre più tecnologici e specializzati per soddisfare le nuove esigenze dei consumatori e anticipare le tendenze di un mercato in profonda evoluzione compatibilmente con la specificità del tessuto urbano veneziano. Inoltre, sono in grado di supportare i clienti che intendono accedere alle agevolazioni fiscali (sostituzione caldaia ad alta efficienza energetica, impianti di illuminazione a basso consumo energetico, solare termico etc..).

Presso Confartigianato Venezia gli impiantisti sono suddivisi in:

- Antennisti elettronici
- Ascensoristi
- Bruciatoristi
- Elettricisti
- Frigoristi/Condizionamento
- Servizi antincendio
- Termoidraulici
Download
9



News del settore

E’ ormai operativo da qualche giorno il nuovo Ufficio Confartigianato Venezia a San Pietro in Volta 110/B Pellestrina (Loc. Portosecco). Il nuovo ufficio, a disposizione delle aziende locali ogni martedì mattina (orario 9.15 / 12.00), è più funzionale del precedente in quanto dispone anche di una saletta riunioni al primo piano per svolgere attività formativa. Mercoledì 21 giugno 2017 alle ore 19.00 è stato organizzato un momento conviviale per inaugurare l’ufficio: prima, dalle ore 18.00, per le aziende interessate, si terrà un incontro informativo tenuto dalla Dott.ssa Lara Citon sul tema “Bandi e incentivi: tutte le opportunità per le imprese”. Vi chiediamo pertanto, per motivi organizzativi, di confermare la vostra presenza specificando se presenti sia all’incontro (ore 18) che all’inaugurazione (ore 19) oppure solo all’inaugurazione. Grazie per la collaborazione, è sufficiente una telefonata (t. 041 5299270) o una mail di conferma !  


Approfondisci

  Per troppi anni il settore della climatizzazione è stato considerato terra di nessuno. A differenza infatti di quanto avviene nella “filiera del caldo”, il settore del “freddo” ha registrato da sempre un’invasione di campo da parte di soggetti non qualificati e poco interessati alla sicurezza e alla tutela ambientale. Fortunatamente oggi la situazione è cambiata. Il legislatore ha impresso un forte giro di vite che obbliga tutti – cittadini, operatori, fornitori, organi di controllo – ad un maggior rispetto delle regole e dei ruoli di ognuno. Un focus sulle normative che regolano il settore della climatizzazione e i relativi incentivi fiscali. Una campagna promozionale di informazione e sensibilizzazione     VENERDÌ 9 GIUGNO 2017 – ORE 17.30 CENTRO CULTURALE DON ORIONE ARTIGIANELLI – SALA VIVALDI DORSODURO, CAMPO S. AGNESE 909/A – VENEZIA     Saluto e introduzione ai lavori 17.30 Massimiliano Rasa, presidente settore Impiantistico – Confartigianato VE Intervengono 17.45 Diego Danieli, ingegnere termotecnico 18.20 Antonio Girello, architetto libero professionista 18.45 Giampaolo Toso, funzionario Categorie Confartigianato VE Michele Zanetti, frigorista, vicepresidente settore Impiantistico – Confartigianato VE 19.30 Chiusura lavori Modera Enrico Vettore, responsabile Categorie Confartigianato VE PROGRAMMA_LOCANDINA scheda adesione


Approfondisci

  Confartigianato Venezia ricorda che il 31 maggio 2017 scadrà il termine per la presentazione della dichiarazione annuale F-gas. L’obbligo di presentazione della dichiarazione riguarda gli operatori che detengono apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria, pompe di calore e sistemi fissi di protezione antincendio contenenti 3 kg o più di gas fluorurati. Si ribadisce che, anche per quest’anno, l’entrata in vigore del nuovo Regolamento UE n.517/2014 non ha modificato struttura, criteri e contenuti della dichiarazione F-gas. Il valore soglia che permette di stabilire se una apparecchiatura fissa è inclusa nel campo di applicazione della dichiarazione resta quindi fissato a 3 kg di gas fluorurato ad effetto serra, non viene quindi applicata, ai fini della Dichiarazione F-gas la nuova unità di misura espressa in CO2 equivalenti. Ricordiamo inoltre che sono definiti operatori i proprietari delle apparecchiature o impianti che non abbiano delegato a terzi l’effettivo controllo sul funzionamento. La suddetta delega deve includere: a) libero accesso ai locali tecnici b) potere di accensione e spegnimento c) potere (anche finanziario) di decidere in merito a modifiche tecniche dell’impianto La dichiarazione fa riferimento all’anno 2016 e dovrà essere trasmessa ad ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione dell’Ambiente) entro il 31/05/2017 in formato elettronico, accessibile al […]


Approfondisci

Tutte le news

23 Apr 2020

Acconciatori e centri estetici “E’ ora di pensare alla riapertura!” Intanto è confermata la possibilità di vendita a distanza dei prodotti professionali con consegna a domicilio 1. IL NOSTRO IMPEGNO E LE NOSTRE PROPOSTE IN VISTA DELLA RIAPERTURA DELL’ATTIVITA’ Il settore acconciatura/estetica tra tutti quelli del comparto artigiano è probabilmente quello che pagherà, alla fine dell’emergenza sanitaria, il conto più salato. I 120 operatori della Venezia insulare hanno necessità di riprendere il prima possibile l’attività: il tempo e la liquidità stanno ormai per scadere. Siamo pienamente consapevoli delle grossissime difficoltà in cui versa la categoria aggravate da un continuo via vai all’interno di abitazioni e condomini di pseudo operatori del taglio e del trattamento facile; mai come in questi giorni l’abusivismo dilaga creando ulteriore danno alle aziende del settore. Anche per questo è ancora più urgente necessario pensare concretamente alla fase 2, quella della riapertura: in quest’ottica, tramite la nostra Organizzazione nazionale, abbiamo presentato al Governo alcune linee guida per favorire la ripresa dell’attività. A questo proposito, a più di un mese di distanza dalla chiusura delle attività, in attesa delle decisioni Governo sulla data di riapertura, la categoria ci chiede cosa c’è da fare per garantire la sicurezza di […]


Approfondisci
20 Apr 2020

Con riferimento alla richiesta di finanziamento agevolato con garanzie del Governo per un importo massimo fino a 25.000 € inviamo la circolare allegata che vi invitiamo a leggere con estrema attenzione. In estrema sintesi, e con parole semplici, riepiloghiamo gli aspetti più importanti da sapere: A) importo massimo richiedibile: 25.000€ con il limite del 25% sui ricavi; trattandosi di prestito è prevista un’istruttoria da parte della banca o del Consorzio di garanzia Fidi – Cofidi con relative spese e tasso di interesse; B) prestito da richiedere per sole esigenze di liquidità aziendali. Durata: 6 anni. Per i  primi due anni restituzione dei soli interessi; a partire dal 3° anche quota capitale; C) ciascuna banca o Cofidi, nonostante le raccomandazioni del Governo e delle parti sociali, decide in totale autonomia se attivare l’operazione ed eventualmente il tasso di interesse da applicare; è comunque previsto un tetto massimo all’interno di un intervallo puramente indicativo tra l’1.2% e il 2%; D) verificata la disponibilità della banca o Cofidi e compresi i costi dell’operazione la richiesta del prestito va attivata tramite specifico modulo per la cui compilazione l’Associazione è a totale disposizione (Ufficio Categorie, tel.  041 5299270; mail: ufficio categorie@artigianivenezia.it ); E) inviata la […]


Approfondisci
16 Apr 2020

  Rendiamo noto che a seguito della pubblicazione del Decreto liquidità in Gazzetta ufficiale, il Ministero dello Sviluppo economico si è adoperato per rendere immediatamente attuative le misure approvate in favore di imprese, artigiani, autonomi e professionisti. Solo oggi il testo del Decreto ha ricevuto anche se con modifiche il tempestivo via libera da Bruxelles e quindi oggi possiamo darne comunicazione ufficiale a tutti i nostri soci. Il MiSE e Mediocredito Centrale, gestore del Fondo di Garanzia, stanno inoltre lavorando insieme all’Associazione bancaria italiana e ai principali istituti di credito per rendere attivi e disponibili, in tempi brevi, tutti i sistemi informatici e la modulistica necessaria alla richiesta di garanzia per i beneficiari delle misure, che si prevedono numerosi. Intanto è già disponibile on line sul sito “fondidigaranzia” il modulo per la richiesta di garanzia fino a 25mila euro, che il beneficiario dovrà compilare e inviare per mail semplice (anche non certificata) alla banca o al confidi al quale si rivolgerà per richiedere il finanziamento. Allo stesso tempo la nostra Associazione si sta addoperando al fine di accelerare le istruttorie bancarie con l’obiettivo di ridurre a pochissimi giorni il tempo di attesa tra la richiesta di finanziamento e l’accredito delle somme richieste sul proprio conto corrente. Per informazioni è […]


Approfondisci
NOT_FOUND