Alimentazione

Il buon gusto italiano è fatto dai mille sapori della nostra tradizione alimentare artigiana. E Venezia, città unica per la sua forma fatta di meravigliosi palazzi e suggestivi canali, è anche unica per i suoi sapori, le sue atmosfere e la sua secolare attività artigiana anche alimentare: pani e altri prodotti da forno tipici, diversi tipi di pasta anche fresca, ‘ricette’ di gelati artigianali doc e pasticceria raffinata sono solo alcuni dei prodotti che arricchiscono le tavole dei consumatori di tutto il mondo, sia veneziani che dei tanti turisti che visitano almeno una volta Venezia.

Presso Confartigianato Venezia gli artigiani del settore alimentazione, sono suddivisi in:

- Alimentari vari
- Cioccolatieri
- Gelatieri
- Lavorazione carni
- Panificatori
- Pastai
- Pasticceri
- Pizza al taglio
Download
9



News del settore

Il Comune di Venezia ha firmato ieri, 4 marzo 2021, un’ordinanza sindacale per la limitazione all’accesso di determinate strade e/o piazze del centro urbano, al fine di evitare situazioni di assembramento che possano aggravare il quadro pandemico locale. Nello specifico riassumiamo brevemente quanto sarà in vigore da oggi venerdì 5 Marzo per tutto il fine settimana, Domenica 7 compresa. MISURE IN SINTESI         A) la Polizia locale avrà la facoltà di regolare l’accesso in alcune aree della città, con attività di “filtraggio” al fine di prevenire situazioni di assembramento. Le zone sulle quali si potranno verificare le restrizioni sono:                1.      Mestre, Riviera XX Settembre e vie limitrofe;                2.      Mestre, Piazzale Donatori di Sangue e Calle Giovanni     Legrenzi;                3.      Venezia, Sestiere di Cannaregio – Fondamenta degli Ormesini – Fondamenta della Misericordia da Ponte San Girolamo a Ponte San Marziale;                4.      Venezia, Sestiere di San Polo – Campo San Giacomo (in vulgo San Giacometto), Campo della Naranseria, Campo Cesare Battisti (già Bella […]


Approfondisci

Da luglio 2020, chi lavora a stretto contatto con clienti e consumatori finali deve avere installato il pos pagobancomat per riscuotere i propri servizi con moneta elettronica. Per ora, le sanzioni, nel caso non si adempia al nuovo obbligo, non sono ancora attive, ma lo saranno presto. Se ancora non hai il pos nella tua azienda è il momento giusto di acquistarlo perché sono previste agevolazioni fiscali (credito di imposta) da parte dello Stato per chi lo installa. Non solo. D’altra parte sono sempre di più i consumatori che vogliono pagare con bancomat e carte di credito dato che, dal il 1° gennaio di quest’anno è iniziato il cashback standard che ci accompagnerà fino al 30 giugno 2022. Pertanto, anche alla luce di questo incentivo, Confartigianato Venezia ha siglato una convenzione con Banca Sella, leader nel mercato delle soluzioni digitali di moneta elettronica, per garantire alle proprie imprese il servizio pos pago bancomat alle migliori condizioni di mercato, sia in termini di costo di noleggio che di percentuali sul transato effettuato. Tra le agevolazioni previste in esclusiva per gli Associati:– nessun obbligo di apertura conto corrente con Banca Sella;– attivazione e assistenza gratuita;– per i transati sopra i 6 mila […]


Approfondisci

L’Associazione, tramite il proprio Ufficio Categorie (tel. 041 5299270 – mail: ufficio.categorie@artigianivenezia.it), ha attivato uno sportello informativo e di assistenza alla predisposizione della domanda. DOTAZIONE FINANZIARIA                                                                                        Il Bando, a valenza regionale, ha una dotazione finanziaria iniziale pari a euro 1.480.000.                                                           SOGGETTI AMMISSIBILI        Beneficiari sono:                                                                                                                                      -imprese individuali con titolari donne residenti in Veneto da almeno 2 anni            […]


Approfondisci

La Giunta regionale, in data 26 gennaio, ha approvato un bando per l’erogazione di contributi a fondo perduto alle donne imprenditrici e alle imprese a prevalente partecipazione femminile nei settori dell’artigianato, dell’industria, del commercio e dei servizi.Il contributo può essere richiesto per l’acquisto di macchinari,  impianti produttivi, hardware e programmi informatici, attrezzature, arredi, negozi mobili, mezzi di trasporto, opere edili/murarie e di impiantistica, software, brevetti, licenze ecc.  L’importo erogato è pari al 40% della spesa sostenuta per la realizzazione degli interventi,  compresa tra un minimo di 20.000,00 euro ed un massimo di 130.000,00 euro. Le domande devono essere compilate e presentate esclusivamente on-line tramite il Sistema Informativo Unificati (SIU) della Regione. Per poter compilare la domanda è necessario ottenere le credenziali di accesso tramite l’applicativo GUSI.    Termini per accreditamento, compilazione e presentazione delle domande:  – Richiesta credenziali di accesso: dalle ore 9.00 del 1 febbraio 2021 alle ore 12.00 del 24 febbraio 2021; – Compilazione domanda su SIU: dalle ore 10.00 del 9 febbraio 2021 alle ore 12.00 del 24 febbraio 2021; – Presentazione della domanda (tramite il link univoco ricevuto a termine della compilazione): dalle ore 10.00 del 2 marzo 2021 alle ore 17.00 del 4 marzo 2021. 


Approfondisci

Con riferimento alla possibilità di attivazione del servizio continuativo di mensa sostitutivo a favore delle imprese, attivabile sia per pranzo che per cena, secondo le normative contrattuali, informiamo che la Regione Veneto ha chiarito il tema dell’aggiunta del codice ATECO di servizio Mensa. Alla specifica domanda: I ristoranti che fanno il servizio mensa “esterno” per aziende convenzionate devono avere il codice Ateco “56.29 Mense e catering continuativo su base contrattuale”? La Regione Risponde: No. Il DPCM usa la dizione del predetto codice ATECO ma non impone l’intestazione del codice nella visura camerale, la quale non condiziona e limita l’attività che può essere svolta dall’imprenditore. Rimangono comunque in capo all’esercizio i seguenti obblighi: a) Eventuale adeguamento piano HACCPb) Comunicazione mezzo PEC al Comune di riferimento di inizio erogazione servizio mensa aziendalec) Redazione e stipula del contratto per la fornitura del servizio mensa (scritto e magari scambiato via PEC)d) Rigorosa applicazione dei protocolli previsti per le mense contro la diffusione del COVIDe) Predisposizione elenco commensali da allegare al contratto Ricordiamo che per i punti di cui alle lettere b) e e) Artambiente (tel. 041 5284230) è a disposizione. Ulteriori informazioni presso l’Ufficio Categorie (tel. 041 5299270).


Approfondisci

Con riferimento alla possibilità di attivazione del servizio continuativo di mensa sostitutivo a favore delle imprese, attivabile sia per pranzo che per cena, secondo le normative contrattuali, informiamo che alcune Prefetture della nostra Regione, hanno modificato il loro orientamento in tema di mense. Purtroppo, la corsa all’attivazione di servizi mensa più o meno “genuini”, ha inevitabilmente comportato irrigidimenti da parte dell’autorità locale di governo.Al momento la PREFETTURA DI VENEZIA non sì è ancora espressa, ma consigliamo, per chi vuole attivare il servizio mensa di adeguare il proprio codice ATECO con l’aggiunta del codice 56.29.1 (codice specifico delle mense)Suggeriamo inoltre ai ristoratori di verificare la corretta applicazione dell’aliquota IVA per i servizi sostitutivi di mensa. Quindi, riepilogando, gli adempimenti in carico ai ristoratori interessati all’attivazione del servizio in oggetto:a) Aggiunta codice ATECO 56.29.1 b) Eventuale adeguamento piano HACCPc) Comunicazione mezzo PEC al Comune di riferimento di inizio erogazione servizio mensa aziendaled) Redazione e stipula del contratto per la fornitura del servizio mensa (scritto e magari scambiato via PEC)e) Rigorosa applicazione dei protocolli previsti per le mense contro la diffusione del COVIDf) Predisposizione elenco commensali da allegare al contratto Ricordiamo che per i punti di cui alle lettere b) e e) Artambiente (tel. […]


Approfondisci

Vi informiamo che il Comune di Venezia, con deliberazione della Giunta Comunale del 21 dicembre 2020, ha deciso di concedere un’ulteriore proroga del termine di pagamento della COSAP (plateatico) e CIMP (mezzi pubblicitari) dovute per il 2020 le cui scadenze peraltro erano state già prorogate e fissate al 31/12/2020. Il nuovo termine per il pagamento in un’unica rata è fissato per lunedì 31 maggio 2021. Ricordiamo altresì che sussiste la possibilità di poter effettuare il pagamento in forma rateale con i seguenti criteri e date: -per COSAP (plateatico) se l’importo è superiore a Euro 258,00: 1^ rata 31 maggio, 2^ 30 giugno, 3^ 31 luglio e 4^ ed ultima rata 31 agosto 2021; -per CIMP (mezzi pubblicitari) se l’importo è superiore a Euro 516,00: 1^ rata 31 maggio, 2^ 30 giugno, 3^ 31 luglio e 4^ ed ultima rata 31 agosto 2021. La proroga del termine di scadenza vale anche per i contribuenti che avessero già ricevuto comunicazioni di pagamento con scadenze diverse. Non rientrano nella proroga le occupazioni temporanee per cantieri edili, nè le autorizzazioni per pubblicità temporanee. Per altre informazioni potete contattarci in sede centrale: Ufficio Segreteria Servizi, tel. 0415299250 o contattando i ns. Uffici di zona.


Approfondisci

Tutte le news

Il Comune di Venezia ha firmato ieri, 4 marzo 2021, un’ordinanza sindacale per la limitazione all’accesso di determinate strade e/o piazze del centro urbano, al fine di evitare situazioni di assembramento che possano aggravare il quadro pandemico locale. Nello specifico riassumiamo brevemente quanto sarà in vigore da oggi venerdì 5 Marzo per tutto il fine settimana, Domenica 7 compresa. MISURE IN SINTESI         A) la Polizia locale avrà la facoltà di regolare l’accesso in alcune aree della città, con attività di “filtraggio” al fine di prevenire situazioni di assembramento. Le zone sulle quali si potranno verificare le restrizioni sono:                1.      Mestre, Riviera XX Settembre e vie limitrofe;                2.      Mestre, Piazzale Donatori di Sangue e Calle Giovanni     Legrenzi;                3.      Venezia, Sestiere di Cannaregio – Fondamenta degli Ormesini – Fondamenta della Misericordia da Ponte San Girolamo a Ponte San Marziale;                4.      Venezia, Sestiere di San Polo – Campo San Giacomo (in vulgo San Giacometto), Campo della Naranseria, Campo Cesare Battisti (già Bella […]


Approfondisci

Il Ministero dei Beni Culturali  ha  pubblicato l’elenco unico dei restauratori di beni culturali portando  in  questo  modo  a  compimento il pieno riconoscimento di questa professione. Come  tutti  ricorderete, infatti, con questo elenco viene  finalmente  riconosciuta  una  battaglia  pluridecennale condotta da Confartigianato  Restauro  sull’unicità  del  titolo,  sancita  sin  dalla conclusione dell’esito del bando nazionale di qualifica. L’unica  nota stonata la suona, purtroppo, ancora una volta, la burocrazia.Ci  siamo,  infatti,  accorti  che  l’elenco unico dei restauratori di beni culturali,  pubblicato sul portale del Ministero, ad oggi è un elenco vuoto perché i Restauratori dovranno registrarsi. Francamente non comprendiamo il motivo  di  questo  ulteriore  adempimento  burocratico  dato che lo stesso Mibact  è  già  in  possesso  di  tutti  i  dati dei restauratori che hanno partecipato   al  bando  e  che  si  sono  visti  riconoscere  i  requisiti professionali.  Ma così è.  Per  aiutare allora i restauratori a compiere questo  ultimo  miglio  Confartigianato  Venezia organizza per Mercoledì 10 marzo  alle  ore  17.30  un  incontro  on line gratuito nel corso del quale verranno fornite le indicazioni utili per la registrazione. Saranno  presenti  il  Presidente  nazionale  di  Confartigianato  Restauro Roberto  Borgogno  e il dott. Guido Radoani, funzionario di Confartigianato Restauro. Da oggi, quindi, tutte le amministrazioni pubbliche a differente livello e […]


Approfondisci

Da luglio 2020, chi lavora a stretto contatto con clienti e consumatori finali deve avere installato il pos pagobancomat per riscuotere i propri servizi con moneta elettronica. Per ora, le sanzioni, nel caso non si adempia al nuovo obbligo, non sono ancora attive, ma lo saranno presto. Se ancora non hai il pos nella tua azienda è il momento giusto di acquistarlo perché sono previste agevolazioni fiscali (credito di imposta) da parte dello Stato per chi lo installa. Non solo. D’altra parte sono sempre di più i consumatori che vogliono pagare con bancomat e carte di credito dato che, dal il 1° gennaio di quest’anno è iniziato il cashback standard che ci accompagnerà fino al 30 giugno 2022. Pertanto, anche alla luce di questo incentivo, Confartigianato Venezia ha siglato una convenzione con Banca Sella, leader nel mercato delle soluzioni digitali di moneta elettronica, per garantire alle proprie imprese il servizio pos pago bancomat alle migliori condizioni di mercato, sia in termini di costo di noleggio che di percentuali sul transato effettuato. Tra le agevolazioni previste in esclusiva per gli Associati:– nessun obbligo di apertura conto corrente con Banca Sella;– attivazione e assistenza gratuita;– per i transati sopra i 6 mila […]


Approfondisci
NOT_FOUND